Alpinismo Giovanile


IL PROGETTO EDUCATIVO

L’alpinismo giovanile ha lo scopo di aiutare il giovane nella propria crescita umana, proponendogli l’ambiente montano per vivere esperienze di formazione.

Il GIOVANE è il protagonista dell’attività di Alpinismo Giovanile, a lui è rivolta tutta l’attività.

L’ACCOMPAGNATORE è lo strumento tramite il quale si realizza il progetto educativo dell’Alpinismo Giovanile; è un anello della catena di crescita del giovane.

Il GRUPPO è formato dai ragazzi e dagli accompagnatori; è il nucleo sociale; è il campo di azione per l’attività educativa. Deve orientare le aspirazioni del giovane verso una vita autentica attraverso un genuino contatto con la natura.

Le ATTIVITÀ sono essenzialmente l’escursionismo di montagna inteso come recupero della dimensione del camminare nel rispetto dell’ambiente (naturale ed umano), senza escludere tuttavia un approccio di base a tutte le altre attività che hanno la montagna come ambito privilegiato.

Il METODO consiste nel coinvolgimento del giovane in diverse attività anche divertenti secondo le regole dell’ “imparare facendo”.

L’UNIFORMITÀ operativa delle Sezioni nell’ambito più vasto dell’Alpinismo Giovanile a livello nazionale è un presupposto indispensabile perchè si possa realizzare il Progetto Educativo del Club Alpino Italiano.


GRUPPI

  • Gruppo AG1 (*)
  • Gruppo AG2
  • Gruppo AG3

(*) Gruppo AG1 (età 6-9 anni): temporaneamente sospeso, vedi sottogruppo CAI Famiglie


L’ACCOMPAGNATORE

CHI È: un volontario qualificato del Club Alpino Italiano attraverso appositi corsi selettivi; egli trasmette i valori della montagna e dell’Associazione alla quale appartiene; l’opera dell’Accompagnatore si svolge nel tempo attraverso un costante aggiornamento al fine di garantire la massima SICUREZZA in montagna.

COSA FA: interseca le attese del giovane con gli obiettivi prefissati da progetto educativo, al fine di contribuire alla FORMAZIONE TECNICA ed alla CRESCITA UMANA del ragazzo.

L’Accompagnatore interpreta il verbo APPRENDERE associandolo a esperienze come: scoprire, provare, applicare, stimolare, risolvere e favorire l’approccio ludico.

ORGANICO ACCOMPAGNATORI

  • Carollo Fabio (AAG)
  • Carollo Paola (AAG)
  • Cremasco Renato (ASAG)
  • Dal Ferro Mauro (AAG)
  • Grendene Paola (Aiuto Acc)
  • Pareti Giorgio (AAG)
  • Pedersini Davide (ASAG)
  • Piazza Miriam (ASAG)
  • Rigon Valeria (ASAG)
  • Sandonà Pierluciano (AAG)
  • Vezzaro Giampietro (Aiuto Acc)

AAG: Accompagnatore di Alpinismo Giovanile
ASAG: Accompagnatore Sezionale di Alpinismo Giovanile
ASE: Accompagnatore Sezionale di Escursionismo

Avviso sui cookie di WordPress da parte di Real Cookie Banner